Categorie

ACQUISTA ORA CON MINIMO D'ORDINE DI SOLI 20€

Fornitori

Nessun fornitore

Intonaco in calce e cocciopesto in interno e in esterno

Published on 03/12/2015

  • Intonaco in calce e cocciopesto in interno e in esterno
  • Intonaco in calce e cocciopesto in interno e in esterno
  • Intonaco in calce e cocciopesto in interno e in esterno
  • Intonaco in calce e cocciopesto in interno e in esterno

Buongiorno,
con riferimento al prodotto: "Intonaco In Calce e Cocciopesto Rosa antico - Sacco Da 25 Kg." vorrei sapere se, dovendo rifare completamente l'intonaco di diverse pareti interne, è sufficiente applicare tale materiale dopo la rimozione completa del vecchio intonaco. Inoltre il direttore dei lavori consiglia uno spessore di 3 cm. Va bene a vostro parere oppure è eccessivo ?
Infine vorrei sapere se tale materiale può essere utilizzato anche per realizzare l'ultima finitura, ovvero la superficie liscia che dovrà poi essere tinteggiata.
In attesa di una vostra cortese risposta, colgo l'occasione per porgere cordiali saluti.

Giuseppe A.

 

 

 

Risposta dell'Ufficio Tecnico di Artimestieri

 

Gentile Giuseppe,
la scelta dell'intonaco in calce e cocciopesto è ottima e non richiede particolari preparazioni se non l'asportazione del vecchio intonaco.

Anche per ottenere uno spessore di 3 cm non ci sono problemi. Per un parere sulla scelta di tale spessore bisognerebbe sapere se c'è un motivo alla base.
Se le pareti hanno umidità di risalita: lo spessore di 3 cm migliora la capacità di dispersione nell'aria.

Se le pareti non sono ben planari, uno spessore maggiore serve per raddrizzare la superficie, In ogni caso non ci sono controindicazioni per spessori maggiori, con questo intonaco si possono raggiungere anche spessore molto maggiori.


La finitura è molto bella e può essere fratazzata o lisciata con spatola, in ogni caso non è mai completamente liscia data la granulometria dell'intonaco.
Per una finitura liscia bisogna applicare una rasatura più fine.

 

Un cordiale saluto

Ufficio Tecnico di Artimestieri

COMMENTS

FromComment
lucra54@alice.it
08/06/2016

Sito molto stimolante. Voglio fare un cappotto esterno e forse anche interno alla mia casa di campagna che è diventata prima casa. Attualmente c'è un intonaco esterno di quasi 5 millimetri ormai rovinato e vorrei isolare il tetto che ha solaio in cemento e tegole all'esterno e internamente ci sono fogli isolanti coperti da perline in legno. Vi chiedo consigli e vi ho scritto la mia mail. Grazie. Lucia


RISPOSTA UFFICIO TECNICO ARTIMESTIERI
Buon pomeriggio Lucia,
se all'esterno l'intonaco è quasi rovinato, dopo un rapido aggiustamento che prevede l'asportazione solo delle parti instabili e qualche rappezzo per pareggiare la superficie: l'applicazione del cappotto esterno è la soluzione migliore.
se desidera un consiglio sullo spessore dovrebbe dirmi dove è ubicata l'abitazione e come è fatta la parete: spessore e tipo di materiale.

Per quanto riguarda l'isolamento del tetto ci sarebbero almeno due soluzioni:
1-doppio o triplo strato di pannelli di sughero semplicemente appoggiati al solaio (se il solaio è piano senza irregolarità)
2-Oppure impasto di sughero graulare con silicato di sodio per almeno 12cm (se ci sono troppe irregolarità sul solaio e se il sottotetto ha una zona praticabile dove si possa impastare a mano)

Chiami al 0171 389 735 se desidera ulteriori chiarimenti.
se desidera un preventivo dovrebbe dirci i mq di cappoto da realizzare e i mq del sottotetto da isolare,
un saluto
a risentirci presto

Only registered users can post a new comment.